Cantinetta vino: quale scegliere e come

Scegliere cantinetta vini

La cantinetta è un elettrodomestico indispensabile per chi ama il vino: ecco quale scegliere e cosa considerare prima dell’acquisto.

Amate il vino e state cercando la cantinetta giusta per conservarlo al meglio e mantenerne inalterate le qualità nel tempo? Ecco quale caratteristiche considerare per scegliere la cantinetta vini adatta alle vostre esigenze.

Cantinetta vini: i diversi tipi per invecchiare e mescere il vino

La cantinetta per vini o wine cooler è un elettrodomestico sofisticato e di design pensato per gli amanti del vino.

Si tratta di un armadio refrigerato indispensabile per conservare le proprie bottiglie preferite alla corretta temperatura e umidità, riducendone l’esposizione a raggi UV.

Grazie all’uso di cantinette il vino mantiene le proprie caratteristiche peculiari: colore, profumo e sapore che attivano sensi come vista, olfatto e gusto, rimangono inalterati nel tempo garantendo un’esperienza migliore quando si degusta il vino.

Sia che stiate progettando una nuova cucina sia che vogliate aggiungere a una cucina già esistente una cantinetta vini, è importante considerare le diverse caratteristiche dei vari tipi di cantinette per scegliere quella giusta per le vostre esigenze in base al tipo di vino da conservare, oltre che allo spazio a disposizione e al budget.

Una prima distinzione delle cantinette per vino riguarda il modo in cui le bottiglie vengono refrigerate al loro interno.

Le cantinette per vino possono infatti essere di diversa tipologia:

  • climatizzate, dotate di un sistema freddo/caldo e ventole che climatizzano l’aria. Questo modello di cantinetta è adatta principlamente per la conservazione e secondariamente per la mescita del vino;
  • refrigerate, dotate di un sistema che raffredda l’aria e di ventole per farla circolare. Si tratta di modelli di cantinette adatte principalmente per la mescita e secondariamente per la conservazione;
  • statiche, dotate di un sistema che raffredda l’aria ma prive di ventole. In questi modelli di cantine per vino, l’aria fredda si trova nei ripiani più bassi mentre quella calda sale verso l’alto e sono adatti alla mescita;
  • combinate, adatte a stoccare più tipologie di vino perché dotate di doppie o tripla temperatura.

Le cantinette sono dotate di sistemi di refrigerazione che consentono di regolare la temperatura corretta per invecchiare il vino, servirlo o per entrambe le opzioni: la scelta dipende dalle proprie esigenze e dall’utilizzo che si intende fare della cantinetta

Le cantinette climatizzate sono quindi dotate di un sistema di areazione freddo/caldo che, grazie a delle ventole, fa circolare l’aria al loro interno mantenendo la temperatura costante; si tratta quindi di un modello di cantinetta ideale per far invecchiare le bottiglie, meglio se collocate in posizione orizzontale, ma sono adatte anche per la mescita.

Perché le bottiglie di vino si sistemano inclinate in queste cantinette? Perché in questo modo il sedimento rimane sul fondo della bottiglia evitando venga versato nel calice al momento della mescita. Inoltre, il tappo rimane a contatto con il vino e mantiene un certo grado di umidità che ne impedisce il restringimento; così si evita che l’aria possa entrare nella bottiglia compromettendo la qualità del vino. Inoltre,

Chi desidera una cantinetta per far invecchiare il vino si orienterà dunque su una cantinetta climatizzata, mentre chi vuole solo mescere il vino alla giusta temperatura di servizio preferirà una cantinetta refrigerata.

Se si ha necessità di una cantinetta che risponda a entrambe le esigenze, esistono cantinette combinate: questi modelli hanno zone indipendenti che consentono sia di invecchiare le bottiglie sia di mantenere la temperatura di servizio.

Questo però non è l’unico criterio per scegliere la cantinetta vini giusta: altri aspetti da considerare sono ad esempio la quantità di bottiglie che si ha necessità di invecchiare o conservare, anche in relazione allo spazio a disposizione e se la cucina è già esistente o in fase di progettazione.

Cantinetta vini per invecchiare o conservare il vino

Come scegliere la cantinetta vini?

Il primo aspetto da considerare nella scelta di una cantina frigo per vino è il luogo in cui si intende posizionare l’elettrodomestico. In base allo spazio a disposizione ci si orienterà su cantinetta a libera installazione o a incasso, scegliendo tra i modelli a colonna oppure sottopiano, piuttosto che a libero posizionamento, ad esempio in salotto, mansarda eccetera.

Se si sta progettando una nuova cucina, si può ad esempio valutare di predisporre un mobile a incasso da dedicare alla cantinetta, scegliendo tra una cantinetta a colonna o anche sottotop se lo spazio è poco.

Chi invece preferisce inserire una cantinetta in una cucina già esistente avrà meno possibilità di scelta, ma può comunque optare per un modello a libera installazione della misura di cui si ha bisogno.

Non è indispensabile che le cantinette vini siano collocate in cucina: si tratta infatti di mobili di design che si adattano perfettamente a contesti diversi e che si possono sistemare anche in un’area bar della zona pranzo o del salotto.

Le cantinette per vino possono essere installate a incasso o free standing: ognuna di queste due opzioni presenta pro e contro da valutare in fase di acquisto, tenendo conto dello spazio a disposizione e della quantità di bottiglie da conservare

A prescindere dal tipo di modello scelto, occorre sapere che il luogo dove mettere la cantinetta deve essere fresco e lontano da raggi solari diretti e da fonti di calore come caloriferi, camini, stufe.

Poiché le cantinette vini sono disponibili in diverse misure e capienze, altra cosa importante da considerare è lo spazio che si ha a disposizione, che influenzerà la quantità di bottiglie che si potranno conservare: esistono infatti cantinette che possono contenere anche meno di una decina di bottiglie, mentre altre arrivano a ospitarne centinaia.

La capacità in litri determina la quantità di bottiglie: il numero di bottiglie che si possono inserire all’interno fa riferimento alla bordolesi classica da 750 mL, che ha un’altezza di circa trenta centimetri e un diametro di settanta. Ogni tipologia di bottiglia diversa ovviamente influisce sulla capienza della cantinetta.

Molto importante è anche l’utilizzo che si desidera fare della cantinetta, aspetto che può guidare nella scelta tra cantinette pensate per far invecchiare le bottiglie, cantinette per la sola mescita o cantinette combinate che consentono entrambe le opzioni.

Se si sceglie una cantinetta con temperatura singola si potranno invecchiare bottiglie di una sola tipologia di vino, rosso o bianco, in quanto la temperatura per la conservazione è la medesima, mentre le cantinette a due o più temperature permettono la conservazione e la mescita di tipologie di vino diversi in zone separate.

A seconda del modello, l’allestimento interno ed esterno della cantinetta è personalizzabile attraverso la scelta di ripiani e materiali che permettono di collocare le bottiglie da servizio in verticale, da presentazione inclinate e da conservazione in orizzontale

Infine, è possibile personalizzare anche il design della cantinetta per adattarla al proprio stile, scegliendo il colore, i profili e le finiture di porte e maniglie.

Scegliere la cantinetta vini

Cantinette vini: come funzionano e caratteristiche aggiuntive

Gli amanti del vino sanno perfettamente che le bottiglie devono essere conservare e mantenute in determinate condizioni di temperatura, luce e umidità per poter maturare senza perdere le proprie caratteristiche organolettiche ed essere degustate dando il loro meglio.

Sbalzi termici, raggi UV, umidità e temperature non idonee possono infatti intaccare le caratteristiche complesse del vino, una bevanda “viva”, frutto di studio, lavoro e impegno e in grado di evolvere nel tempo.

Le cantinette per vini rispettano le esigenze del vino e ne permettono la conservazione a lungo nelle condizioni ideali, come avviene in una vera e propria cantina naturale. La temperatura nelle cantinette può infatti essere regolare in ampio range di valori, di solito dai 5°C fino ai 20°C, così da creare le condizioni favorevoli per conservare vini bianchi, bollicine, vini rosè e vini rossi. La regolazione della temperatura avviene grazie al controllo digitale (touch display control panel).

Regolazione della temperatura e dell’umidità, basse vibrazioni, controllo degli odori e protezione dai raggi UV sono alcune caratteristiche che rendono le cantinette degli scrigni ideali in cui conservare la vostra collezione di vini

Le cantinette per vini non sono però dei semplici frigoriferi: al contrario, una cantinetta è studiata nei minimi particolari per assicurare anche un livello ottimale di umidità, migliorare la qualità dell’aria attraverso filtri a carbone attivo e garantire che il vino sia protetto dalla luce grazie ad apposite porte a vetro schermate verso i raggi UV.

All’interno delle cantinette è presente un’illuminazione LED predisposta in orizzontale e in alcuni casi anche in verticale che non compromette la qualità e le caratteristiche del vino e che regala al all’armadio refrigerante per il vino un ulteriore aspetto di eleganza.

Nella cantinetta la disposizione delle bottiglie varia a seconda che si tratti da bottiglie da conservazione, che si collocano in orizzontale, bottiglie da presentazione che si collocano inclinate e bottiglie da mescita che restano in verticale.

Le cantinette possono quindi avere caratteristiche tecnologiche e di design diverse, oltre a dimensioni e metodi di installazione differenti e, di conseguenza, possono variare di prezzo. Scegliere quale cantinetta acquistare deve dunque tenere conto di molti aspetti, non solo il prezzo ma anche e soprattutto le proprie esigenze personali.

Certamente le cantinette per vino sono mobili di design che ben si adattano a ogni ambiente e stile di arredamento, ma la scelta va modulata in base allo spazio a disposizione, alla libertà di progettazione, alla quantità di bottiglie che si desidera conservare.

È poi fondamentale optare per cantinette di qualità per avere la garanzia di un prodotto che rispetti al meglio le caratteristiche dei vini da conservare, avvicinandosi il più possibile alle condizioni che si avrebbero in una vera cantina interrata, e che possa durare nel tempo così da risparmiare nel lungo periodo.